Dott.ssa Chiara Francesconi

348.8239755

Psicoterapia Online Skype

chiara.francesconi3

Sedi di ricevimento

Online/Skype - Mondavio (PU)

Come guarire dall’ipercontrollo e superare l’inibizione e la rigidità con la Radically Open Therapy (RO DBT)

La Radically open dialectical behavior therapy (RO DBT) è un trattamento cognitivo comportamentale mirato a disturbi psicologici caratterizzati da eccessivo controllo e inibizione comportamentale ed emotiva (Ipercontrollo). È quindi rivolto a problemi di anoressia nervosa, personalità ossessivo compulsive, stati d’ansia e depressioni croniche.

L'autocontrollo - la capacità di inibire impulsi e desideri e di ritardare la gratificazione per perseguire obiettivi a lungo termine - è spesso equiparata al successo e alla felicità. In effetti, i fallimenti nell'autocontrollo caratterizzano molti dei problemi personali e sociali che affliggono la civiltà moderna: come l'abuso di sostanze, le attività criminali, la violenza domestica, le difficoltà finanziarie, il fumo e l’obesità. E un gran numero di ricerche scientifiche si focalizzano sulla comprensione, la prevenzione e il trattamento dei deficit nell'autocontrollo.

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che anche un eccesso di autocontrollo può essere problematico. L’eccessivo autocontrollo si associa all'isolamento sociale, a uno scarso funzionamento interpersonale, e a gravi problemi di salute mentale di difficile trattamento, come ad esempio anoressia nervosa, depressione cronica e disturbo ossessivo-compulsivo della personalità.

Leggi tutto

Sono permaloso: cause della suscettibilità e rimedi per tollerare le critiche

essere permalosi Cosa significa essere permalosi? Da cosa è causata la suscettibilità alle critiche? Come smettere di essere permalosi e suscettibili?

Andiamo per ordine nel rispondere a queste domande.

Innanzitutto, il vocabolario (in questo caso ho estratto la voce dal Treccani) ci dice che Permaloso equivale a ‘persona facile a offendersi, che, per eccessivo amor proprio, si risente e s’indispettisce di atti e parole che altri non considererebbero offensivi e che per lo più non sono tali nelle intenzioni’.

Capiamo quindi che essere permalosi significa non saper accettare le critiche costruttive e non saper farsi scivolare addosso quelle distruttive e gratuite. Alla permalosità si associa la frequente sensazione di irritazione e offesa, e talvolta questo si esplicita in atteggiamenti aspri e duri, aggressività e ritiro (il classico “mettere il broncio”) della persona permalosa.

Leggi tutto

Le 10 cause di bassa autostima e come aumentare la stima di sé.

causa della bassa autostima  Le cause della bassa autostima non sono ancora totalmente note e spesso si tratta di un insieme di fattori genetici e ambientali. E’ comunque possibile tracciare e riconoscere le origini più comuni della scarsa stima di sé.

  

  1. La genetica. Gli studi riportano percentuali di ereditabilità dell’autostima che si attestano attorno al 45% per maschi e attorno al 30% nelle ragazze (in età adolescenziale). Sembra quindi che la base biologica incida più nello sviluppo dell’autostima dei maschi, mentre le ragazze siano soggette a maggiori influenze ambientali.
  2. Essere trascurati/abbandonati. L’idea che abbiamo del nostro valore può essere influenzata da come siamo stati trattati nella nostra infanzia e adolescenza. Se un bambino viene trascurato o abbandonato ha maggiori probabilità di sviluppare un’idea di sé come individuo non amabile e indegno di amore, affetto e stima.

Leggi tutto

La forza dell’abitudine: buone e cattive abitudini.

 

buone abitudini Ti consideri un abitudinario? O preferisci le novità e l’avventura? Ti piace restare nella tua zona di comfort o ami sperimentare e mettere alla prova te stesso e le tue capacità?

Che tu propenda per un versante o per l’altro, sappi che (come al solito!) la serenità si trova al centro. 

Si potrebbe dire che l’essere umano ‘tende’ alle abitudini e allo stesso tempo ‘ha bisogno’ di abitudini. 

Si pensi ai bisogni fisiologici dell’essere umano. Abbiamo bisogno di mangiare ogni 3 o 4 ore, di dormire 6/8 ore per notte, di mantenere una temperatura corporea pressoché costante. Questi ritmi cadenzati e quotidiani rappresentano le abitudini basilari dell’uomo e le trasgressioni a tali cicli hanno conseguenze più o meno nocive sulla salute (dall’irritabilità, all’oscillazione del peso a yo-yo, dalla stanchezza cronica a disturbi intestinali e così via).

Potremmo dire che al nostro corpo piacciano le routine, che il nostro organismo apprezzi le abitudini. Le abitudini rappresentano dei circoli virtuosi e benefici per il nostro corpo, che grazie al rispetto di tali ritmi si mantiene sano, attivo e performante.

Leggi tutto

Condividere e sfogarsi per riequilibrare emozioni positive e negative.

PAROLA D’ORDINE: CONDIVIDERE!

Qual è la prima cosa che fate quando vi succede una cosa brutta? E quando ricevete una bella notizia? 

Siete di quelli che corrono subito a citofonare, telefonare, smessaggiare, twittare ad amici, familiari e conoscenti o vi tenete tutto dentro? 

Gli studi dimostrano che la condivisione è la scelta migliore. In entrambi i casi (di notizie belle e brutte). 

Leggi tutto

La pigrizia: cos'è, quali cause può nascondere e come sconfiggerla.

pigrizia

I nostri antenati dovevano conservare energie per lottare e conquistare le scarse risorse e per fronteggiare i nemici. Essi facevano sforzi soltanto per ciò che procurava vantaggio nel breve termine. In assenza di medicinali, ripari sicuri, risparmi e scorte, aveva poco senso pensare troppo al futuro.

Oggi, le cose sono cambiate.. ci sono aspettative di vita molto più lunghe e molte più comodità.. tuttavia il nostro istinto è ancora programmato per conservare energia ed essere riluttante ad impegnarsi in progetti astratti e dalla ricompensa incerta e a lungo termine.

L’ambizione e le prospettive possono sovrastare l’istinto così che alcune persone possono essere maggiormente orientate al futuro e possono considerare gli altri “pigri”. Infatti la pigrizia viene spesso associata alla mediocrità e al fallimento. 

Leggi tutto

Il cesto dei tesori: giocare con i 5 sensi.

Il cesto dei tesori è un'attività di gioco e di stimolazione sensoriale ideata e sperimentata dalla psicopedagogista Elinor Goldschmied per bambini da 6 a 12 mesi circa, e attualmente adottata in molti asili nido. E' tuttavia una proposta educativa facilmente realizzabile anche in casa.

Il cesto dei tesori si basa sul presupposto che a quest'età i piccoli iniziano a stare seduti con maggior stabilità, traggono piacere e curiosità dall'afferrare oggetti e tenere cose in mano.. e anche al portarsele in bocca. In altre parole iniziano ad esplorare il mondo: e quale strumento migliore se non fornirgli materiali stimolanti, appartenenti al mondo reale e al loro ambiente, per soddisfare la loro curiosità e conoscenza.

I bambini sono attratti istintivamente dalle cose che li circondano e che vedono, ma spesso non riescono o non possono toccarle (perché non adatte o sicure, e quindi tenute a distanza dal loro raggio di azione!). Apportando piccole modifiche agli oggetti della vita quotidiana è però possibile consentire loro questa importante ed appagante esperienza sensoriale e di scoperta.

Leggi tutto

Lo stress lavorativo e il fenomeno del mobbing

 I contesti organizzativi e lavorativi sono caratterizzati da vari gradi di “costrittività”. Con il termine costrittività si intende una riduzione delle libertà individuali, necessaria per far si che un sistema si organizzi e funzioni in maniera efficiente ed efficace. 

Nel corso dei secoli, è stata infatti tramandata e sempre più applicata l’idea che l’organizzazione, intesa come struttura gerarchica con vari gradi e suddivisione di potere, responsabilità e mansioni, sia lo strumento più utile al raggiungimento di obiettivi comuni.

“Lo sforzo di due o più individui che lavorano assieme, verso un traguardo comune, è più efficace della somma degli sforzi degli individui che lavorano separatamente” (B. Cornell)

Leggi tutto

Servizio di psicoterapia ONLINE. Clicca sul pulsante per maggiori informazioni

logo

Dott.ssa Chiara Francesconi

348.8239755

chiarafrancesconi.psico@gmail.com

chiara.francesconi3

Riferimenti terapeutici

Schema Therapy, Teoria dell'Attaccamento, Circle of Security, Mindfulness, Alleanza Terapeutica, Psicoeducazione.

Autori: J.Young, J.Bowlby, Jon Kabat Zinn, G. Liotti, Aaron Beck & Albert Ellis

Dott.ssa Chiara Francesconi - Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Psicoterapia online - Colloqui psicologici via Skype

Isc. Albo Psicologi Regione Marche, n°2234/sez.A P.iva 02495380418

Condizioni di utilizzo e note legali. Licenza Creative Commons

Privacy Policy