Dott.ssa Chiara Francesconi

348.8239755

Psicoterapia Online Skype

chiara.francesconi3

Sedi di ricevimento

Online/Skype - Mondavio (PU)

Mi occupo di

Psicoterapia cognitivo comportamentale e colloqui psicologici

(anche online, tramite applicazione skype)

 

Il sostegno psicologico, i colloqui e la psicoterapia cognitivo comportamentale, sono rivolti a tutti coloro che sperimentano stati di difficoltà emotiva, dubbi, incertezza, confusione.

Si può richiedere un percorso psicologico per problemi legati all'ansia, in cui possono rientrare Ansia generalizzata, ansia sociale (nelle forme di timidezza e vergogna eccessive), perfezionismo, ipocondria. 

Altre emozioni che possono essere difficili da riconoscere e gestire sono la rabbia, il senso di colpa e l'invidia. Ecco allora che la psicoterapia cognitiva aiuta la gestione degli scoppi di rabbia e aggressività, la gestione del senso di colpa insopportabile e l'elaborazione dell'invidia (spesso correlata a scarsa stima di sè stessi). 

Ma anche la tristezza, con i suoi cali d'umore, svalutazione e visione negative del presente e del futuro può incidere sul benessere e richiedere elaborazione e trattamento psicologico.

Nel contesto di questa emozione, troviamo anche la disperazione legata alla perdita di un caro, e quindi entra in gioco l'elaborazione del lutto, supportata dalla psicoterapia.

Uno dei problemi più diffusi attualmente è quello del rapporto con il cibo e la presenza di alimentazione incontrollata caratterizzata da spuntini frequenti e abbuffate. In questo caso, la psicoterapia cognitiva associata alla mindful eating sono efficaci per eliminare il binge eating e le abbuffate incontrollate

Percorsi di psicoterapia cognitiva più importanti e approfonditi sono quelli destinati alla risoluzione e al trattamento dell'anoressia e della bulimia.

Infine, la strategia della Schema Therapy risulta idonea per coloro che presentano difficoltà relazionali, affettive e interpersonali di vario tipo. Sensazioni di inadeguatezza, di inferiorità, di sfiducia, di sottomissione e arrendevolezza, di incapacità di esprimere i propri bisogni, possono rivelarsi indici di "trappole emotive", ossia di modalità ripetitive e croniche di vedere sè stessi e gli altri e che fungono da meccanismi di difesa disfunzionali al raggiungimento del proprio benessere. Anche in questi casi, si può trovare rimedio con un percorso psicoterapeutico di approccio cognitivo.

 

Attraverso gli incontri è possibile identificare ed affrontare, assieme al professionista, la condizione problematica in un percorso a breve – medio termine (tendenzialmente la terapia cognitiva cerca di produrre miglioramenti o significative riduzioni del disagio sperimentato in tempistiche che variano dai 3/6 mesi ad un anno).

Dopo una fase iniziale (composta da 2-3 sedute) volta alla raccolta anamnestica e a definire la richiesta e stabilire gli obiettivi che si intendono raggiungere, viene proposto e concordato il percorso più opportuno da intraprendere. Le sedute hanno durata di 50 minuti circa. Gli incontri successivi al primo, hanno solitamente cadenza settimanale o bisettimanale. 

 

Strategie psicoterapeutiche utilizzate:

  • Schema Therapy (di Jeffrey Young)
  • Teoria dell'attaccamento (di John Bowlby)
  • Circolo della sicurezza (di John Bowlby )
  • Mindfulness (di Jon Kabat Zinn)
  • Alleanza Terapeutica (G. Liotti, F. Monticelli)
  • Psicoeducazione per riconoscimento e gestione delle emozioni
  • Psicoterapia cognitivo comportamentale (Aaron Beck & Albert Ellis )

 

Per saperne di più sulla psicoterapia online clicca qui.

 

 

 

Valutazioni Psicodiagnostiche

Le indagini mediante l'utilizzo di test possono rivelarsi utili alleati nel percorso psicologico, sia esso puramente di sostegno o di psicoterapia.

In particolare, la scelta di specifici questionari nella fase iniziale di terapia può fornire un quadro generale del paziente, permettendo di approfondire le problematiche emerse nel corso dei primi colloqui o di indagare quelle non affrontate. Alla conclusione di un percorso il ricorso ad un test può invece dare indicazioni sull'efficacia del trattamento e dei miglioramenti raggiunti.

 

Psicologia dello Sport

Nell’ambito della psicologia sportiva, vengono attuati percorsi di Preparazione Mentale/Mental Training individuali e/o di squadra, rivolti ad atleti professionisti, sportivi dilettanti ed amatoriali.

Gli incontri mirano a diversi scopi, che vanno dal miglioramento delle performance agonistiche di singoli atleti o squadre, al potenziamento di concentrazione e abilità attentive, alla motivazione all'attività fisica e prevenzione dell'abbandono sportivo, dall'aumento di consapevolezza del proprio corpo e degli stati di stress e tensione, all'incremento del senso di autoefficacia.

Vengono proposti anche corsi di informazione e formazione per Allenatori ed Operatori in campo sportivo, rispetto alle tematiche di leadership, goal setting, comunicazione efficace, gestione delle dinamiche di gruppo.

 

 

logo

Dott.ssa Chiara Francesconi

348.8239755

chiarafrancesconi.psico@gmail.com

chiara.francesconi3

Riferimenti terapeutici

Schema Therapy, Teoria dell'Attaccamento, Circle of Security, Mindfulness, Alleanza Terapeutica, Psicoeducazione.

Autori: J.Young, J.Bowlby, Jon Kabat Zinn, G. Liotti, Aaron Beck & Albert Ellis

Dott.ssa Chiara Francesconi - Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Psicoterapia online - Colloqui psicologici via Skype

Isc. Albo Psicologi Regione Marche, n°2234/sez.A P.iva 02495380418

Condizioni di utilizzo e note legali. Licenza Creative Commons

Privacy Policy