Dott.ssa Chiara Francesconi

348.8239755

Sedi di ricevimento

Fano - Lucrezia - Mondavio (PU)

Consulenza skype

chiara.francesconi3

"Ti prego, non lasciarmi!": il timore dell'Abbandono.

Le persone caratterizzate dallo schema dell'Abbandono sono (più o meno consapevolmente) convinte che i loro cari, gli affetti più vicini, prima o poi li lasceranno, scompariranno, si ammaleranno e moriranno o si comporteranno in qualche maniera imprevedibile che li porterà distanti da loro.

Questo timore di abbandono porta a vivere in un costante stato di vigilanza e alla ricerca di segnali che indichino l’avvicinarsi o il confermarsi dell’evento temuto. Il timore può essere associato sia alla paura di perdere l’affetto, la rassicurazione e la vicinanza di queste persone che al timore di essere lasciati soli a badare a se stessi.

 

E’ facile comprendere che le emozioni tipiche associate a questa trappola sono quelle di ansia (per paura di perdere le persone care) e tristezza (quando l’abbandono si verifica realmente), che possono raggiungere rispettivamente livelli di terrore e depressione grave.

Possibili origini dello schema abbandono:

  • Uno dei genitori è morto quando si era piccoli o se n’è andato definitivamente o per diverso tempo (ad es. ricovero in ospedale o viaggio per lavoro,ecc..)
  • Uno dei genitori (o figure di riferimento) era piuttosto instabile, a causa di un problema psicologico (come depressione o ira) e si disinteressava degli altri, compreso i figli.
  • L’arrivo di un nuovo fratello/sorella in famiglia ha tolto una rilevante parte di attenzione per la persona.
  • Frequenti litigi tra genitori o familiari, da cui si è tratto il timore che la famiglia potesse disgregarsi da un momento all’altro.
  • Abitare in una famiglia iperprotettiva, che non ha dato modo di sviluppare una propria identità e di imparare ad affrontare le difficoltà della vita quotidiana con le proprie capacità.

I comportamenti che di solito vengono messi in atto per evitare l’abbandono vanno dall’attaccamento eccessivo alla possessività, dal controllo alla gelosia.

Per di più, spesso queste persone sono attratte da persone “instabili”, come ad esempio partner che non intendono impegnarsi seriamente o che hanno già un'altra relazione, che con tutta probabilità finiranno con l’abbandonarli.

Per contro, alcuni tentano di raggirare i dolorosi distacchi “giocando d’anticipo” cioè evitando di impegnarsi in relazioni profonde ed intime, quindi non creando alcun legame importante.

Tutte queste reazioni al timore dell’abbandono risultano nocive: limitare la libertà dell’altro e pretendere di essere costantemente presenti nella sua vita e nei suoi pensieri, quasi sicuramente peggiorerà il rapporto di coppia, finendo con l’annientarlo. Scegliere partner che non soddisfano i bisogni essenziali di protezione, affetto, presenza, empatia finirà con il peggiorare l’opinione che si ha di se stessi, del mondo e dei legami affettivi. Estraniarsi ed isolarsi dalle relazioni causerà un vuoto ancora più profondo, a lungo andare.

Come tutti gli schemi, anche quello dell’abbandono fa parte della maggior parte di noi, ad un livello "base". Cioè a quel livello per cui tutti ci sentiamo un po’ in ansia quando il partner ad esempio si allontana per lavoro o si ammala, e ci sentiamo tristi se una relazione finisce.

Tuttavia se sentite che le relazioni e i legami causano profondo malessere e scompenso alla vostra vita, potrebbe essere utile comprendere in che modo vivete gli affetti ed apprendere modalità più adeguate di gestire le emozioni che sperimentate.

La terapia cognitivo comportamentale, attraverso l'approccio della Schema Therapy, può rivelarsi un prezioso alleato.

 

Servizio di consulenza psicologica ONLINE. Clicca sul pulsante per maggiori informazioni

logo

Dott.ssa Chiara Francesconi

348.8239755

chiarafrancesconi.psico@gmail.com

chiara.francesconi3

Riferimenti terapeutici

Schema Therapy, Teoria dell'Attaccamento, Circle of Security, Mindfulness, Alleanza Terapeutica, Psicoeducazione.

Autori: J.Young, J.Bowlby, Jon Kabat Zinn, G. Liotti, Aaron Beck & Albert Ellis

Dott.ssa Chiara Francesconi - Psicologa Psicoterapeuta Cognitiva - Fano/Lucrezia/Mondavio - Pesaro Urbino

Isc. Albo Psicologi Regione Marche, n°2234/sez.A P.iva 02495380418

Condizioni di utilizzo e note legali. Licenza Creative Commons

Privacy Policy